Leucemia acuta promielocitica: guarire si puòleu21

redazione,

Una diagnosi precoce vuol dire un intervento rapido che può evitare il peggio. È sempre auspicabile che ciò accada, ma nel caso della leucemia acuta promielocitica (Lap), una rara forma di leucemia “iperacuta”, lo è forse ancora di più. Perché la patologia può iniziare con un episodio di emorragia improvvisa e poi progredire molto rapidamente fino a causare gravi danni (come un’emorragia cerebrale) ancora prima di aver ricevuto una diagnosi  e quindi di essere sottoposti a un trattamento.

È per questo che Teva Italia ha organizzato ieri 19 aprile a Milano un media tutorial, per diffondere la conoscenza di una malattia che colpisce circa 150 persone all’anno in Italia, guaribile nella maggioranza dei casi, ma per la quale è necessaria una diagnosi tempestiva che consenta di intervenire in tempi rapidi.

«Se la leucemia acuta promielocitica (Lap) – ha spiegato Francesco Lo Coco ordinario di ematologia del Dipartimento di Biomedicina e prevenzione dell’Università Tor Vergata di Roma –  non viene identificata in tempi rapidi in centri di riferimento esperti e attrezzati per affrontarne la gestione, il rischio di mortalità precoce è molto elevato».

Nell’incontro di ieri sono stati ricordati i progressi della ricerca con il contributo fondamentale del Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto (Gimema) fondato dall’ematologo Franco Mandelli., soprattutto. Oggi il 90 per cento dei pazienti a cui viene diagnosticata la Lap può guarire. «L’armamentario terapeutico  a nostra disposizione – ha detto Giuseppe Rossi direttore della Struttura Complessa di Ematologia e Dipartimento di Oncologia Clinica dell’Asst Spedali Civili di Brescia – si basa su farmaci mirati, associati alla trasfusione di concentrati piastrinici ed altri emoderivati come il plasma fresco congelato».

SARS-CoV-2 e tumori del sangue: un paziente su tre non ha prodotto anticorpi dopo l’infezione del virus

Un nuovo studio retrospettivo, condotto in 37 centri ematologici italiani, evidenzia che un terzo dei pazienti onco-ematologici non sviluppano sieroconversione durante l’infezione da SARS-CoV-2, non producono cioè anticorpi specifici (rilevabili nel sangue) per combattere il virus. Un recente report, pubblicato su British Journal of Haematology e coordinato da Francesco Passamonti, professore ordinario all’Università dell’Insubria, ha…

Vent’anni di terapie mirate nella leucemia mieloide acuta, successi e fallimenti. Intervista a Marco Vignetti, presidente GIMEMA

L’ematologia crede nelle terapie mirate (target therapy). Ha tutte le ragioni per farlo, dato che pazienti considerati incurabili fino agli anni Duemila, come quelli affetti da leucemia mieloide cronica, oggi hanno un’aspettativa di vita normale proprio grazie alla scoperta di farmaci mirati. Per questo il numero di molecole studiate per il trattamento della leucemia mieloide…

Nuova speranza per la leucemia, le cellule di laboratorio.Studio italiano, scomparsa nell’86% dei malati gravi

Contro la leucemia linfoblastica acuta, nei pazienti adulti e pediatrici, una speranza di guarigione arriva grazie ad un particolare tipo di cellule ingegnerizzate, denominate CARCIK, che hanno dimostrato un’attività antitumorale molto promettente: infatti, fra i pazienti trattati con la dose più alta, quasi l’86% (sei su sette) ha risposto al trattamento con una scomparsa completa…

Aifa approva la terapia CAR- T

In una nota di oggi l’Aifa, Agenzia Italiana del Farmaco, riferisce che la terapia a base di cellule Car-T potrà essere prescritta anche nel nostro Paese. Sergio Amadori, presidente Nazionale AIL, spiega chi potrà beneficiare di questo trattamento e quali sono i possibili scenari che si aprono dopo questa decisione. Professor Amadori, questa è un’ottima…

Fatique, la stanchezza che non passa

Molte delle persone malate di cancro devono anche fare i conti con una spossatezza continua che in alcuni casi è ancora più debilitante degli stessi trattamenti. Conoscerla e parlarne con il proprio medico sono due modi per gestirla meglio. La fatigue (termine inglese che significa astenia, stanchezza) può essere considerata come parte integrante della sintomatologia…

Considerazioni sulle vaccinazioni, per le persone a cui qualche dubbio, in fondo, siamo riusciti a farglielo venire… di Marco Vignetti.

Considerazioni sulle vaccinazioni, per le persone a cui qualche dubbio, in fondo, siamo riusciti a farglielo venire… di Marco Vignetti. Mi insegnavano che prevenire le malattie era l’atto più importante che un medico potesse fare, ancor prima di curarle. Ho vissuto i decenni in cui sognavamo di avere un “vaccino” per tutto. Il vaccino contro…