Quante volte mi sono sentita dire: – Scrivi la tua storia, aiuterai tante donne! – E allora eccomi qua, ne approfitto volentieri. Tutto è iniziato nell’agosto di quattro anni fa, avevo da pochi mesi partorito la mia seconda bambina, Veronica, mentre la primogenita, Chiara aveva solo quattro anni.

Dopo un’operazione di appendicite acuta, continuavo ad avere forti dolori addominali, mi fecero fare un’infinità di esami diagnostici, quando, grazie all’intuito di un chirurgo, il dott. Caronna che mi fece fare una TAC, venne evidenziata una neoplasia a livello addominale.

Si trattava di un linfonodo delle dimensioni di un bambino che aveva, tra l’altro, condiviso lo spazio nella mia pancia con la mia bambina! Io e mio marito non ci rendevamo bene conto di quanto stesse accadendo, io, in fondo, a parte quei dolori mi sentivo bene e l’emocromo non evidenziava nulla di anormale… Fino a quando mi fecero una biopsia e da lì a poco seppi cos’avevo. Si trattava di un Linfoma Non Hodgkin, IV stadio, grado II, un tumore del sangue subdolo, i sintomi possono essere confusi con altre patologie anche di lieve entità. Non c’era tempo da perdere, bisognava iniziare subito la cura. Prima di iniziare sono stata messa di fronte ad una scelta: accettare un protocollo tradizionale con chemioterapici e con una percentuale di guarigione dubbia oppure un trattamento di chemio ad alte dosi seguito da un autotrapianto di cellule staminali che avrebbe però potuto nuocere irrimediabilmente al mio midollo, ma con una buona percentuale di remissioni complete. Non ho avuto dubbi, scelsi la seconda opzione, pensavo alle mie bambine così piccole e al fatto di volerle veder crescere!

Non voglio dilungarmi su tutto quello che il mio fisico ha subito durante il lungo anno di trattamento farmacologico… quello che voglio approfondire è l’aspetto emotivo che coinvolge non solo la persona che ha un tumore, ma tutti i familiari, soprattutto i figli e gli amici, quelli veri, che ti stanno vicino. Ci sono stati momenti in cui ho pensato di non farcela, le chemio mi toglievano ogni forza, il mio aspetto fisico diceva tutto… Ma mi sono sempre rialzata, mi bastava un bacio delle mie bambine, il loro pensiero mi spingeva a reagire con tutte le mie forze! Quante lacrime abbiamo versato tutti insieme! E quanti vedendomi per strada con una bandana ma sempre con un velo di trucco mi hanno detto – che forza e coraggio che hai, sei un punto di riferimento! – Ma io non mi sono mai sentita un’eroina, la voglia di vivere e l’amore dei miei cari sono stati sempre la medicina migliore e nei momenti più bui oltre a loro mi è stata di grande aiuto la fede.

Ora sto abbastanza bene, certo, ho il sistema immunitario di un neonato, ma non importa, guardo avanti e sento di poter allungare lo sguardo molto lontano. Colgo l’occasione per dire grazie ai medici del gruppo H di Via Benevento a Roma, in particolare il prof. Pulsoni e la dottoressa Frattarelli, che mi hanno curato e che continuano ad avere cura di me… ai miei genitori, agli amici e soprattutto grazie a mio marito, che stimolandomi a reagire, rimproverandomi e consolandomi mi ha dimostrato il suo grande amore, forte come non mai! E grazie anche all’ “AIL” , voglio dire a tutte le persone malate di tumore

“Forza, ce la possiamo fare”!

LV

3 commenti

  1. ogni volta che leggo una storia o una testimonianza dei miei fantastici amici “smidollati”, mi prende un nodo forte e un gran pensiero; io che ho la super fortuna di non aver combattuto battaglie per la vita, se non quelle quotidiane dei comuni mortali, avrei la stessa forza e lo stesso spirito vostro? Mi ritrovo a leggere i vostri brevi racconti come un bambino legge le storie del suo eroe preferito, resto sempre con l’emozione che blocca il fiato.
    La tua storia Lory mi ha colpito parecchio perchè ho cercato di “viverla” con l’apprensione di fresco genitore di due innocenti creature.
    Ho immaginato che al solo guardarle negli occhi avrei preso a versare fiumi di lacrime e nella mente avrei imprecato contro il maledetto destino, che mentre mi mostrava gli occhi della vita, la mia vita appena creata, mi tradiva con una pugnalata alle spalle come un nemico vigliacco.
    Ho attinto dalla tua come da tutte le storie di questo meraviglioso sito la forza e l’energia che nessuna persona fortunata nella vita potrà mai regalarmi, e solo grazie a queste righe di vita ho imparato a dare il giusto peso e il giusto rispetto alla parola VITA.
    Ti auguro di cuore che il sorriso delle tue creature riesca a donarti la felicità che ti meriti, e ti ringrazio per avermi regalato una scossa di energia vitale.
    Grazie Lory, buona vita.

  2. cara lory ho letto la tua storia ,
    mio marito ha vinto la leucemia con il trapianto da donatori 8 anni fa per leucemia
    immagino la tua guerra contro una malattia che è uscita subdola …ma era bella tosta
    ……..ti auguro tutto il bene del mondo e chiaramente noi mogli ,mariti o mamme dobbiamo darvi la forza di vincere

    ……..un forte abbraccio lory e paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il contenuto testuale digitato in modo da tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati.

Commenti sul post