Il 29 novembre 2013 si è tenuta, presso l’IFO Istituo Tumori Regina Elena – di Roma, la I Edizione di “Rome Transplant Network: LA CULTURA DEL LAVORARE INSIEME.

L’arcobaleno della Speranza ha partecipato con entusiasmo e gratitudine al suddetto congresso, con lo scopo di sottolineare l’importanza del rapporto “umano” che si crea tra i pazienti e il personale medico-infermieristico durante i lunghi periodi di degenza che un malato ematologico deve affrontare per curarsi. E che le terapie mediche vanno anche supportate da “terapie solidali”.

La cultura del lavorare insieme, come evidenzia il titolo del congresso, è anche sostenere i pazienti durante il loro percorso pieno di difficoltà fisiche e psicologiche, cercando, con un lavoro di squadra, di affrontare al meglio un periodo di vita piuttosto complesso.

Gli interventi di medici ed infermieri  presenti, ognuno con la propria esperienza lavorativa, hanno avuto tutti come obiettivo il miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

Programma:

Nursing board: la cura infermieristica in rete (Pignatelli A.C./Mauroni M.R.)

Modelli organizzativi ed assistenziali innovativi: Primary-Nursing: un modello organizzativo per pazienti in alta intensità di cure. (Orlando L./Cappucciati L.)

Un approccio organizzativo basato sull’individuo: le competenze distintive dell’infermiere di area funzionale di ongoematologia. ( Paola Presta/Chierichini T.)

La ricerca traslazionale: che cos’è e come influenza gli outcomes clinici. (Paterniani A./Pignatelli A.C.)

Sono intervenuti sugli Accessi Vascolari ad inserzione periferica: gli Istituti SANT’EUGENIO (Patanè A./Rapolito A.); SAN GIOVANNI (Saltarelli D./Carli I.); IRE (Canestrari C./Rizzo V.); CAMPUS BIO MEDICO (Rizza V./ Cacciairichi C.S.); SANT’ANDREA (Conte E./SollazzoF);

Indicatori clinici e monitoraggio della salute vascolare (Colandrea G./Conti F.)

L’infermiere consulente in Vessel Health (Molinari V./Trenta F.)

Accessi venosi centrali; l’impiego del catetere PICC nel trapianto CSE; L’infermiere consulente nella salute del patrimonio venoso; Il posizionamento PICC: metodo ECG.

Casistica eventi avversi: esperienza del PICC-tèam; indicatori clinici per il monitoraggio di accessi vascolari centrali ad inserzione periferica.

La qualità della vita del paziente trapiantato attività del Working Party Quality of Life. (Tendas Andrea/Sollazzo F.)

Human Caring nel paziente trapiantto: studio osservazionale (Molinari V./Mauroni M.R.)

Isolamento protettivo: survey RTN (Annibali O./Mazzaroni M.)

Il burn-out in onco-ematologia: indagine descrittiva nel PTV (Salerno S./Livigni L.)

L’educazione e l’auto-cura del paziente con mucosite orale (Gulli A./Ortega N.)

Gestione del paziente sottoposto a Non Invasive Ventilation (Orteca N./Chierichetti T.)

Giovedì 23 Gennaio 2014

Cara Stella,

Mi fa  piacere comunicarti che, dopo le recenti certificazioni del Centro Nazionale Trapianti (CNT) e del Centro Nazionale Sangue (CNS), abbiamo acquisito in via definitiva, a partire dal 21 gennaio 2014, anche la Certificazione Internazionale per l’Accreditameno Jacie del Programma Trapianto Metropolitano: Rome Transplant Network.

 

E’ un grande obiettivo, raggiunto grazie al lavoro di tutti, al quale anche l’Associazione Arcobaleno deve sentirsi partecipe.

 

Il Programma RTN,  come unico modello a livello internazionale, sarà oggetto, su invito del Board europeo, di presentazione orale al prossimo Congresso dell’European Group for Blood and Marrow Transplantation (EBMT).

 

Il mantenimento ed ulteriore sviluppo del Programma RTN sono gli obiettivi futuri.

 

Un caro saluto William Arcese

William Arcese
Full Professor in  Hematology
“Tor Vergata” University of Rome
Director of the “Rome Transplant Network”
Head of the Stem Cell Transplant Unit
Policlinico “Tor Vergata”


3 commenti

  1. Sarebbe stato interessante venire a conoscenza dei risultati del congresso riguardo al dibattito,se c’e’ stato, sulla ricerca traslazionale. Se c’e’ la possibilità di avere un report,gentilmente fatemelo sapere perchè l’argomento rappresenta in questo momento forse l’unico appiglio per il paziente e per gli altri,in ottica futura.

  2. Come si può evincere dalla lista delle relazioni, l’incontro non affrontava la problematica della ricerca traslazionale e la sua applicazione terapeutica.

    Cari saluti

    William Arcese
    Full Professor in Hematology
    “Tor Vergata” University of Rome
    Director of the “Rome Transplant Network”
    Head of the Stem Cell Transplant Unit
    Policlinico “Tor Vergata”

  3. Cara Stella,
    Mi fa piacere comunicarti che, dopo le recenti certificazioni del Centro Nazionale Trapianti (CNT) e del Centro Nazionale Sangue (CNS), abbiamo acquisito in via definitiva, a partire dal 21 gennaio 2014, anche la Certificazione Internazionale per l’Accreditameno Jacie del Programma Trapianto Metropolitano: Rome Transplant Network.
    E’ un grande obiettivo, raggiunto grazie al lavoro di tutti, al quale anche l’Associazione Arcobaleno deve sentirsi partecipe.
    Il Programma RTN, come unico modello a livello internazionale, sarà oggetto, su invito del Board europeo, di presentazione orale al prossimo Congresso dell’European Group for Blood and Marrow Transplantation (EBMT).
    Il mantenimento ed ulteriore sviluppo del Programma RTN sono gli obiettivi futuri.
    Un caro saluto William Arcese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il contenuto testuale digitato in modo da tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati.

Commenti sul post