Mariella Zezza, la giornalista di RAINEWS 24 che il mese scorso ci ha invitate a partecipare alla sua trasmissione "E’ il tempo delle donne", ha scritto un libro intitolato "La prima casa", in cui esalta il ruolo insostituibile della donna nella trasmissione della vita; attualmente  lo sta presentando in varie città: giovedi 19 Marzo 2009 sarà a Lavello, paese natale dei suoi genitori, in Basilicata, dove c’è già una vera e propria mobilitazione generale. L’appuntamento sarà presso il Cine Teatro San Mauro, alle ore 18.00.

In questa occasione citerà il nostro libro "L’Arcobaleno della Speranza – Anche a noi è successo", e leggerà la lettera di Daniela ai figli e la poesia di Andrea (figlio di Daniela, ndr).

"Mi sembra un doveroso omaggio e soprattutto un esempio tangibilissimo del legame indissolubile che si crea fra mamma e figli", è stato il commento della giornalista. 
 

 

A Mariella va, anche da parte di Andrea, il nostro grazie più sentito soprattutto per aver colto, oltre la sofferenza, sentimenti di amore che la malattia non può e non deve cancellare. Inoltre lanciamo a Mariella un grosso in bocca al lupo per il suo libro e speriamo di poterla vedere al concerto del 18 aprile per esprimerle personalmente la nostra gratidudine.

1 commento

  1. ma non ho parole per esprimere la mia contentezza nel leggere che il vostro libro verra’ citato in varie citta’,brave e sono contenta ,daniela che leggeranno la tua lettera ai tuoi figli e la poesia di andrea,te la meriti qualche soddisfazione
    Sono sempre piu’ convinta che su fb ho trovato delle donne con la D maiuscola e ne sono fiera

    un grosso abbraccio
    lory

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il contenuto testuale digitato in modo da tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati.

Commenti sul post