Ali di carta

di Elisabetta Capanna

Ho imparato a volare sù ali di carta…

…quando il mio mondo pareva diventato un’enorme palla di vetro che un bambino dispettoso rigirava tra le mani……vetro e vita che rischiava di cadere e rompersi in mille pezzi……neve che cadeva giù e freddo tra ossa e sangue che non scorreva più per la strada giusta…… ed io là a cercare di raccattare i frammenti di un’esistenza che rischiavo di ricordare e basta……tutto era immobile e non c’erano neanche più abbastanza sospiri da poter fare…

1 commento

  1. Ecco un’altra storia da leggere, con cui meditare e riflettere, ma sicuramente da leggere e da ascoltare.
    Un’altra delle magnifiche testimonianze che trovi tra le pagine colorate dell’Arcobaleno della Speranza.
    Complimenti a chi l’ha scritta e l’ha resa visibile a tutti noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il contenuto testuale digitato in modo da tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati.

Commenti sul post