Alcune foto che ho pubblicato oggi le ho tenute ‘’nascoste’’ per tre anni.
Forse perché ne ero un po’ gelosa o forse perché, ritraendo le fasi più intime ed importanti della mia vita, non volevo divulgarle in modo pubblico e superficiale.
Ho riflettuto per molto tempo e ho pensato a me tre anni e mezzo fa, quando ancora non avevo 17 anni, quando la vita mi è scivolata dalle mani e davanti a me solo due scelte: morire o lottare per vivere!
Il cancro si era impossessato di ogni cosa della mia vita: la spensieratezza adolescenziale, le serate con gli amici, i capelli, 20 chili e molto altro.
Davanti a me uno scenario tremendo, da mozzare il fiato!
Ma tra quelle due uniche scelte, ho deciso semplicemente di VIVERE o, in questo caso, dovrei dire che ho scelto DI COMBATTERE PER RINCOMINCIARE A VIVERE, per riprendere nuovamente la mia vita in mano, a costo di rincominciare da capo, a costo di dover rinascere una seconda volta!
Così a soli 17 anni ho dovuto affrontare tre cicli di chemio terapia ed il trapianto di midollo osseo.
Dalla diagnosi della Leucemia Mieloide Acuta sono passati tre anni e mezzo, mentre dal giorno del trapianto ne sono passati esattamente tre!
Quel giorno ho sentito scorrere nelle mie vene la vita di una persona sconosciuta: la mia Dolce Donatrice.
Ma arriviamo al dunque: perchè ho deciso di pubblicare queste foto? Semplicemente perché prima di ammalarmi vedevo la leucemia come quella classica situazione in cui ‘’non mi ci sarei mai potuta trovare’’ e invece non è così, la vita è imprevedibile per tutti, e i malati di leucemia, insieme alle loro famiglie, sanno benissimo di che parlo!
Ed è proprio per loro che ho deciso di pubblicare queste foto, è proprio a loro che dedico questo semplice post!
Lo dedico a tutte quelle persone che non stanno passando delle belle giornate, che nonostante la situazione si sforzano di sorridere alla vita, anche se lei non sembra ricambiare… lo dedico a tutti i pazienti che sono senza capelli e attaccati alla pompa dei farmaci 24 ore su 24, a tutti i genitori, costretti a vedere i loro bambini buttati su un letto d’ospedale in preda alla vita e alla morte!
Ho scritto questo post, per ridurre la miopia delle persone che ogni si rinchiudono nella routine della loro realtà, ignorando tutte le altre che, spesso, sono più complesse e tortuose.
A tutti i malati e alle loro famiglie voglio dire che dal cancro si può guarire, ed io ne sono la dimostrazione in carne ed ossa!
Tutto cambia, tutto scorre, tutto muore per poi rivivere…
Michela 

Queste foto sono state scattate il 17/01/2012! Ritraggono me stessa nel giorno in cui sono nata per la seconda volta, il giorno del trapianto di midollo osseo. Ad oggi sono passati 3 anni e finalmente lo posso urlare al mondo: SONO GUARITA, HO SCONFITTO IL CANCRO!!!

Michela

.



7 commenti

  1. Bellissima Francesca!! Che la vita lunghissima che ti aspetta ti aiuti non a dimenticare i brutti giorni che hai passato, ma a testimoniare per lunghi e lunghi anni “Io ce l’ho fatta! Potete farcela anche voi”.
    Spero che d’ora in poi tu avrai solo doni belli dalla vita.
    Un abbraccio affettuoso

    Laura DP

  2. Brava bel gesto.
    Quelle dita aperte in segno di vittoria che mostri con un sorriso faticosamente riconquistato sono un gesto premonitore. Il tuo traguardo di rinascita si sta compiendo appieno, e giustamente il tuo post deve entrare nella mente di tutte le persone che stanno soffrendo e stanno combattendo, insieme alle loro famiglie.
    Continua a sorridere alla nuova vita carica dei colori della Speranza.

  3. Grande, Francesca. Condivido ogni tua singola parola . La vita e’ così ….. Imprevedibile. Finiamola di essere miopi!!!! Guardiamo sorridenti sempre al regalo di ogni giorno. Un abbraccio grande e grazie.

  4. Hai ragione Francesca dal cancro si può anche guarire e questa tua testimonianza da ancora più forza e speranza a chi ancora combatte per vivere.
    Grazie per aver condiviso con noi tutto questo un bacio grande e buona vita

  5. grazie Francesca la tua testimonianza possa essere di aiuto a non smettere mai di lottare e dare ancora più forza a tutti coloro che stanno soffrendo. Un abbraccio forte .

  6. A volte credi di non farcela, stasera voglio credere con la tua testimonianza che anche il mio papà guarirà e che io per prima devo crederci!!!! Grazie Fra’….. Il tuo sorriso e’ pieno di speranza!!!!! Goditi ogni attimo e VIVI!!!!!!

  7. Ciao Francesca. Hai fatto benissimo a postare le foto dell’epoca, ormai è rimasto solo un brutto ricordo. La tua testimonianza aiuterà quelle persone che in questo momento stanno attraversando il tunnel, così come l’hai attraversato tu. Non scoraggiarti di nulla e non avere vergogna del tuo passato, anzi parlare di questi fatti è di aiuto anche a livello di informazione.
    Nel lontano 1966, ho donato il midollo per il trapianto a mio figlio. Emilio, oggi ha 36 anni, vive come una persona normale
    Da 18 anni a questa parte svolgo servizio di volontariato per conto dell’Associazione Siciliana Leucemia.
    A te auguro lunga vita e sempre in ottima salute.
    Un abbraccio fraterno. Donato Leo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il contenuto testuale digitato in modo da tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati.

Commenti sul post