Mi chiamo Sofia! Sono sempre stata una ragazza con una buonissima salute! Studiavo e praticavo ciclismo a livello agonistico quindi mi allenavo tutti i giorni, avevo un’alimentazione perfetta e mi sottoponevo ogni 3 mesi agli esami del sangue! Lo sport era la mia vita e il sogno che coltivavo fin da bambina… Io avevo 17 anni.. Era luglio del 2012 quando dagli esami del sangue iniziò a vedersi che qualcosa non andava. . Si pensava alla stanchezza in fondo ero un’atleta.. Quindi mi diedero lo stesso l’abilità alle corse…

Attribuisco il primo segno di malattia quando dopo una gara di settembre ebbi un fortissimo mal di stomaco che durò delle ore.. Era tanto forte da farmi venire le lacrime agli occhi… Cosi arrivò la prima febbriciattola ma anche in quel momento si pensava ad un’influenza perciò quella settimana partecipai ai campionati italiani! Da lì in poi iniziai a sentirmi sempre più debole e stanca.. Gli allenamenti non andavano bene, in palestra non riuscivo nemmeno a correre più di due minuti di fila! Con novembre arrivò la febbre altissima che durava 2 settimane spariva qualche giorno e tornava! Dagli esami si rivelò mononucleosi! Allora per me era tutto chiaro la mononucleosi è facile da prendere in particolare se sei ciclista..

Nonostante tutto feci molti altri esami perché c’erano dei valori sballati che non erano da attribuire alla mononucleosi! Passavano i mesi e io divento maggiorenne festeggiando nel lettone di mamma e papà con una bella febbre..  Ed ecco che grazie a questo mio malessere arrivo’ il regalo che desideravo da anni.. Un cagnolino.. Forse sceso dal cielo per aiutarmi nel lungo cammino che mi stava aspettando.. Ormai andavo avanti e indietro da vari ospedali senza mai avere risposte.. In un centro infettivologo mi ero anche sentita dire che ero un’atleta e che non morivo di certo per un po’ di febbre.. Ma io stavo sempre più male.. La febbre durava sempre di più ed era sempre più alta.. Non andavo nemmeno più a scuola… A volte la febbre arrivava a 41 e mezzo ormai avevo tantissimi sintomi.. Quali fatica a respirare, male al petto, intensa sudorazione notturna, tosse, dolori al cuore e alle ossa, dimagrimento, un fastidiosissimo singhiozzo, ghiandole gonfie e visibili sul collo e molto altro.. A volte vedevo nero per dei minuti altre volte non ricordavo nemmeno più il mio nome.. Cosi una sera stavo particolarmente male che mi portarono al pronto soccorso dove fin da subito capirono la gravità della situazione.. Al mattino mi ricoverarono..

Fu un lungo ricovero! Fui sottoposta a una immensa varietà di esami del sangue e varie tac e pet biopsia ossea e del midollo .. il mio cuore a causa della febbre alta aveva ridotto la sua capacità quindi ero sotto controllo cardiaco 24 ore su 24! Cosi mi operarono d’urgenza …Avevo il terrore di non svegliarmi più dall’anestesia..Ero terrorizzata, quello fu l’unico momento della mia storia dove mi sentii debole.. Mi sentivo cosi piccola davanti a qualcosa di spaventoso… La sala operatoria era fredda ricordo solo che piangevo.. Non potevo credere di essere li.. Pensavo che dovevo essere in palestra quel giorno ma non era cosi.. L’intervento andò bene a parte il gran male dei giorni seguenti… Venivano a farmi visita le mie compagne, professori, amici e parenti tutti al mio servizio! I medici erano gentilissimi con me, mi sentivo una principessa! Tutti sapevano gia che si trattava di un tumore ma non riuscivano a capire quale tumore.. Tutti sapevano tranne me che ero ancora convinta di avere una tremenda mononucleosi…

Un giorno mia zia si sbaglio’ e mi disse: ah ma tu sei forte fai qualche chemio e passa tutto.. Chemio?? Quale chemio chiesi in lacrime a mia mamma? Subito pensai ai capelli.. Ai miei bellissimi capelli riccioluti.. Mia mamma mi disse che non avrei dovuto fare nessuna chemio allora mi tranquillizzai! Tornai a casa ma andavo e venivo dall’ospedale, era tutto un mistero ai miei occhi.. Tutte le notti piangevo dicevo alla mamma di non voler morire e di dirmi cos’avevo perché non stavo guarendo dopo tutti quei giorni di ospedale.. Mia mamma a quella domanda rispondeva sempre: non lo so amore.. Il dubbio mi torturava.. Se davvero era la fine anche in quelle condizioni avrei voluto fare tante cose belle a me bastava saperlo.. Ecco che un giorno in ospedale mi dissero di star tranquilla che probabilmente era solo una grave infezione nulla di più.. Ed io mi rimisi a far progetti volevo tornare subito in bici e a scuola! Purtroppo arrivo’ il giorno della verità quel giorno che cambiò la mia vita per sempre. .Finalmente avevano capito di quale tipo di male si trattava e decisero di dirmelo.. Era un linfoma di hodcking in stadio avanzato che si era esteso ad altri organi quali l’intestino cosa praticamente impossibile in un hodcking per questo la diagnosi era considerata rara.. Non so spiegare cosa provai.. Un senso di pesantezza, mi veniva da svenire… L’ematologo mi disse: sarà dura devi essere molto forte, testuali parole.. Piansi appena uscita dallo studio.. Cosa sarebbe stato di me? Ed eccomi alle Molinette di Torino un altro ospedale ancora più grande che mi spaventava ancora di più… Conobbi la mia dottoressa! Un angelo! Lei mi rassicuro’ subito io sarei guarita con chemio radio e se ci fosse stato bisogno di trapianto..Fui sottoposta a colon e gastro e mi misero il port per fare le chemio.. Dopo la colon per la febbre troppo alta non riuscivano più a svegliarmi dall’anestesia! Più passava il tempo più diventavo forte.. Pronta a tutto..

Pronta a vincere proprio come in gara! Ed è li che la mamma mi disse che ero speciale! Speciale perché ero diversa da tutti i miei coetanei! Ero speciale perché riuscivo a sorridere sempre nonostante tutto! A breve iniziai quegli interminabili 6 cicli di chemio! Atroci e strazianti! Rimanevo a letto molti giorni senza mangiare e vomitando di continuo.. ma poi passava e la voglia di vivere era tantissima dopo il dolore! Allora sorridevo a quella vita come non avevo mai fatto prima come se svegliarsi ogni mattina fosse un miracolo! Spesso non potevo sottopormi alla terapia a causa dei valori del sangue troppo bassi!! Facevo tantissime e dolorose iniezioni! I capelli erano caduti e inizialmente usavo la parrucca ma poi ho capito che la mia testolina era motivo di orgoglio e segno di grande forza! I controlli non andavano poi cosi bene addirittura una volta dopo due cicli il tumore non si era mosso.. La verità è che non mi sono mai arresa.. I giorni brutti c’erano ma c’erano anche quelli belli quando andavo in piscina e giocavo come fossi una bambina o quando riuscivo anche ad andare in bici alle volte! L’ultimo controllo fu quello decisivo! Era il 25/10/13 quando con stupore si scopri’ che non c’era bisogno di radio perché il tumore era in remissione! La gioia era immensa! Sentivo di avere il mondo in mano! Be non fu esattamente così perché ancora oggi sono sul divano con un po’ di influenza che scrivo! Ci vuole tempo per queste cose! Oggi ho 19 anni i miei capelli stanno ricrescendo morbidi e riccioluti, i nove chili presi a causa del cortisone sono diventati sei, il pallore e le occhiaie viola stanno andando via e ho eliminato definitivamente la mascherina! Il 12 marzo torno a scuola e presto anche a praticare il mio amato sport! Ora sto aiutando alcuni malati a reagire e a farsi forza! Negli ospedali ho imparato a vivere! Ho appreso il vero valore della vita lasciando alle spalle il superficiale..

A chi ci sta passando e a chi ci passerà: tornare a vivere si può!!!

Sofia

18 commenti

  1. Sei una piccola grande donna tesoro!!!!! Sei in gambissima e ti ammiro molto forza e coraggio continua cosi!!!!!!♥♥♥♥♥♥

  2. SuperSofia, grandissima guerriera, presto ti riprenderai la tua vita e
    Il dolore dei giorni passati sarà solo un brutto ricordo! Ha ragione la tua mamma: sei SPECIALE! Un bacio grande ❤️

  3. Carissima sofia, la salita piu’ difficile e’ stata superata.ti auguro tutte le cose belle che la vita può donarti. vai avanti così. un bacione.

  4. Sofia, sei una campionessa di vita, la tua è proprio un racconto di speranza….vale proprio la pena di leggere questa ennesima storia dove la testimonianza principale è LOTTA CON FORZA E SPERANZA, E VINCERAI SEMPRE.
    Complimenti per aver scelto il sito per la tua testimonianza. La tua storia sarà di grande aiuto per tanti Guerrieri, che sperano nella vita nonostante la malattia. Anche la svolta che hai dato alla tua vita, quella di dedicarti a chi è ancora ricoverato, a chi sta ancora lottando, è un bell’esempio. L’Arcobaleno della Speranza è un’associazione nata proprio da un’idea come la tua, la nostra presidente Maria Stella, si è presa una rivincita che continua tutt’oggi, dopo essersi ripresa la sua vita, l’ha messa a disposizione di chi lotta continuamente, con continuo e grandissimo impegno, un gesto partito per dare voce a chi non era riuscito a concludere positivamente la sua battaglia. Chi non ce l’ha fatta, rivive nelle storie e nei sentimenti positivi di chi SI NUTRE dell’Arcobaleno, e per questo le testimonianze di lotta e di solidarietà come la tua e come quella di Stella sono la linfa vitale per tutti i nostri guerrieri.
    Grazie ancora, e buona vita Sofia, campionessa di speranza.

  5. sono il papa’ di beatrice,una bambina esordiente al primo anno.che scrvere?non so;ora pero’,vado a dargli un bacio talmente carico che arrivera’ fino a te,lo so bene che il mio bacio non fara’ nulla di importante,ma mi sento di dartelo comunque,SMACK!

  6. Ciao, Sofia.
    Si può vincere te lo garantisco! Ho sessantuno anni, riesco a passare la giornata sugli sci, a volte un centinaio di chilometri in bicicletta e 10 Km di corsa: ti sembra buono? Trentadue anni fa sono stato stomizzato per un linfoma non Hodgking, forse peggiore del tuo, come gravità. Hai una vita davanti: vivila che ne vale la pena!!!!

  7. Continuerai a vincere Sofia…magari alla prossima gara indosserai la maglietta dell’Arcobaleno della Speranza 🙂

  8. sei una ragazza veramente forte e enza ombra di dubbio lo sport te lo ha trasmesso forza ragazza e se un giorno ti va ti invito alla presentazione della mia squadra mtb four es bike in bocca al lupo

  9. Ciao Sofia mi chiamo daniele e ho avuto anch’io un linfoma di hodcking sono passati 12 anni dall’ ultima chemio probabilmente sono stato molto fortunato perchè ero al secondo stadio ma nel leggere la tua storia ho rivisto la mia e mi sono emozionato ti auguro il meglio e ti auguro di continuare a fare sport che inconsapevolmente ti ha salvato la vita perchè ti ha permesso di subire terapie terrificanti e tu eri pronta perchè il tuo fisico era allenato ,tienilo sempre in mente ….. e porta avanti questa teoria chi fa sport non è detto che non si ammali ma può affrontare con grande forza a tu ciò che verrà sottoposto .In bocca al lupo Sofia e chissa che un giorno non ci incontriamo e magari anche in bici ciao Daniele

  10. ciao Sofia mi chiamo Monica…..sono veramente felice per tè della tua forza d’animo della tua voglia di lottare….mentre leggevo la tua lettera pensavo a mio cugino…lui ora mi guarda in compagnia degli angeli e veglia sulle sue figlie….lui non ce l ‘ha fatta….il suo male è stato più forte….ma non ha mai mollato MAI….HA LOTTATO FINO ALL’ULTIMO….in tutti i modi….ma alla fine aveva un sorriso su quel viso …..non mollare mai Sofia mai..un abbraccio…

  11. Sofia….io ti capisco perfettamente perche’ come te amo la bici…vivevo una vita da atleta …sport…giusta alimentazione….niente fumo ..niente vizio di bere….improvvisamente tutto questo e’ stato stoppato da un tumore al seno..con relativi cicli di chemio…radio ..e anch’io ciao ai miei amati lunghi ricci capelli….
    Ma come te non ho mollato….come te ho avuto un obbiettivo preciso ..tornare quella di prima….
    e dopo 6 anni son qua…e gia’ dai mesi successivi da fine cure…ho iniziato a fare di nuovo gare…e avevo 40 anni…
    Te ce la farai prima e con piu’ forza di me…
    Sei una vera campionessa

  12. Grazie a tutti per i bellissimi commenti lasciati! Sono contenta di aver trasmesso un bel messaggio! Non bisogna mai arrendersi!!! E nulla al mondo può impedirci di continuare a vivere per i nostri sogni! Vivrò la mia vita per i tanti che non ce l’hanno fatta come il cugino di Monica! A chi in questo momento sta passando dal buio voglio mandarvi tanta forza!!!! Un bacio a tutti! =)

  13. Ciao Sofia,anch’io vado in bici,non come tè ovvio,bella passione vero? Il tuo coraggio ti rende onore,andrai più forte di prima,ho una figlia che fà Sport come tè, Ti abbracciamo ciao.

  14. Forza Sofia, sará magari lunga ma ne uscirai piú forte di prima. Io come te oltre ad essere appassionato ciclista, amatore peró, molto amatore sono passato da un Hodghkin 24 anni fa. Tuttora faccio i miei controllini e tutto va bene quindi continua cosí e vedrai che tornarai al piú presto in bicicletta!
    In bocca al lupo.
    Andrea

Rispondi a katia mammola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il contenuto testuale digitato in modo da tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati.

Commenti sul post