Di mamma ce n’è una sola, ma di ragioni per festeggiarla almeno un milione, così come diverse versioni sulle origini della sua giornata ufficiale.

La Festa della Mamma, che in Italia – come negli Stati Uniti – cade la seconda domenica di maggio, si celebra in moltissimi paesi del mondo, con date e modalità diverse, ma con la voglia universale di ringraziare le mamme per tutto quello che ci hanno donato, incondizionatamente.

Nell’antichità esistevano riti e celebrazioni che si rifacevano al culto della Madre Terra e celebravano le divinità femminili legate alla rinascita della natura in primavera: per i Greci era Rea, madre di tutti gli Dei; per i Romani era Cibele.

Punto in comune era la rappresentazione di colei che tutto genera, che dà la vita, colei dalla quale tutto nasce.

Olive Schreiner ha detto: “Non è mai esistito un grande uomo che non abbia avuto una grande madre”, ma, più generalmente, possiamo dire che non esiste alcun uomo senza una madre.

Le mamme sono fari che illuminano la vita, a partire dal grembo in cui tutto ha inizio: sono la culla di ogni bambino, il porto sicuro nel quale si rifugiano quando la notte è scura e il cuore ha paura. Sin dai primi momenti di vita si impara a riconoscere il battito della mamma, un meccanismo atavico di certezza che ci rende saldi e radicati nella vita. Ma sono mamme anche coloro che non hanno generato i loro figli, e che hanno volontariamente dato una famiglia a bambini soli.

Sono sempre al nostro fianco, ci accompagnano in ogni fase della crescita, anche quando siamo adulti ed abbiamo bisogno di rassicurazioni.

Quando una madre passa “di là”, il suo profumo, la sua vicinanza, restano accanto ai suoi figli. Nessuno viene lasciato davvero: la vita è un passaggio e ci accompagnano anche quando non le vediamo perché, se alziamo gli occhi al cielo, loro sono sempre là.

Auguri a tutte le mamme del mondo, ovunque siano, qui o al di là della “strada visibile” perché senza di loro nessuno di noi esisterebbe!

Auguri a tutte le infinite declinazioni di questa eterna forma di amore!!

L’Arcobaleno della Speranza ODV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il contenuto testuale digitato in modo da tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta l'informativa sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati.

Commenti sul post